Come creare il media kit per il tuo blog: gli indispensabili

Il media kit, (troppo spesso) questo sconosciuto.

Eppure il concetto è davvero molto semplice: sei un blogger, scrivi e curi un blog con costanza e impegno (immagino), hai il desiderio di collaborare con brand e agenzie, partecipare a progetti speciali o campagne social oppure semplicemente inserire adv sul tuo blog, e per farlo devi avere uno strumento che ti racconti e descriva il tuo blog e le sue peculiarità.

Quello strumento è proprio il media kit.

Ma diversi blogger con cui ho interagito ultimamente non ne hanno uno, non ci hanno mai pensato e non saprebbero da dove iniziare.

(che poi mica è un male o qualcosa di obbligatorio, eh, solo che questa cosa qui potrebbe esserti utile se hai voglia di avviare qualche collaborazione grazie al tuo blog)

Così ho pensato di raccogliere in questo post alcuni consigli e qualche ispirazione per creare il media kit per il proprio blog.

Cos’è un blog media kit?

È il biglietto da visita del tuo blog, un documento che raccoglie le informazioni più importanti su di te in quanto blogger e sul tuo blog.

Quali informazioni deve contenere?

Naturalmente, le informazioni che dovrà contenere sono quelle che meglio descrivono e identificano il lavoro che fai attraverso il tuo blog e che potrebbero essere utili per eventuali clienti/concessionarie/partner/collaboratori/agenzie/editori.

A mio parere, quelle che davvero non devono mancare in un Blog Media Kit sono:

  1. Nome Blog, URL, logo
  2. Breve descrizione del tuo blog, un payoff efficace o qualche riga per far capire subito la natura del blog e il suo ambito (food, travel, mom, lifestyle) >>> se vuoi puoi approfondire con questo nuovo articolo
  3. Breve descrizione di chi sei tu e del perché hai deciso di scrivere un blog
  4. Principali temi trattati/Mission del blog
  5. Qualche dato demografico, ovvero chi è il tuo lettore? (Queste sono info che ai possibili clienti interessano davvero molto)
  6. I social su cui sei presente con l’indicazione in numeri dei tuoi attuali followers (Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Youtube, G+, Tumblr, etc)
  7. Iscritti al tuo Feed RSS, il Page Rank, il tuo Klout 
  8. I dati di visita del tuo blog su base mensile (fai una media tra il tuo mese migliore e quello peggiore oppure se hai il blog da più di 1 anno fai la media annuale): visitatori unici e pagine visualizzate
  9. Opportunità, ovvero le modalità di collaborazione che ti interesserebbe attivare (sponsored post, banner, blogger campains, social campains, blog reviews, vlog reviews, spokespeople, etc…) se possibile con l’indicazione di un range di costo
  10. I tuoi Contatti (ben visibili!)

Quali altre info inserire?

Oltre alle informazioni di base indicate prima, un efficace media kit dovrebbe essere in grado di raccontare lo stile e i punti di forza del blog e del blogger. Quindi, è molto importante inserire quelle informazioni che ti caratterizzano, che distinguono il tuo blog dagli altri, che creano un valore aggiunto al tuo lavoro.

  1. POST PIU’ LETTI
  2. DATI SUI COMMENTI – hai una community molto attiva? Ricevi ogni giorno numerosi commenti? Sottolinea questo aspetto e magari menziona un paio di commenti significativi o link a discussioni particolarmente interessanti
  3. GALLERY FOTOGRAFICA – se l’aspetto immagini ti contraddistingue, se sei un ottimo fotografo o i lettori ti seguono specialmente per gli scatti che condividi 
  4. PARTNERSHIP – se hai già avuto modo di collaborare con brand o sei stato coinvolto in progetti e campagne, se fai parte di un network o di una community di blogger 
  5. VIDEO – se la tua forza sono i contenuti multimediali, realizzi video e hai magari un canale Youtube (da citare tra i Social)
  6. EVENTI o BLOGTOUR
  7. PRESS – se ci sono state uscite particolari sui media che ti riguardano, interviste, partecipazioni radio/tv, contributi speciali

 

Faccio degli esempi:

Sei un food blogger?
Non può mancare qualche scatto dei tuoi piatti, 2/3 link alle tue ricette più apprezzate, eventuali citazioni di riviste/portali con i quali hai collaborato o eventi nei quali hai cucinato!

Sei una fashion blogger?
Inserisci una gallery con i tuoi outfit migliori, una o più moodboard che ti rappresentano, 2/3 brand con i quali hai già avuto modo di collaborare.

Sei un travel blogger?
Puoi inserire le tue 5 mete del cuore, una wishlist dei viaggi che vorresti fare o la top parade dei viaggi che hai già fatto e, immancabile, una mini gallery con le tue foto di viaggio migliori.

Sei una mamma blogger?
Anche in questo caso potresti elencare i tuoi 5 post migliori, i più emozionali o quelli che hanno suscitato più dibattito, i brand più importanti con i quali hai collaborato, se fai test prodotto anche una selezione dei prodotti di cui hai scritto o i progetti speciali ai quali hai partecipato.

Sei un blogger con un ampio seguito su un social in particolare?
Su Instagram hai numerosi followers oppure sei seguitissimo su Pinterest? La tua pagina Facebook macina likes ogni giorno? Mettilo in evidenzia nel media kit, indica su quale social sei più influente!

Che stile deve avere?

Il tuo, naturalmente. Anzi, è fondamentale che abbia uno stile, che non sia anonimo.

(e tu che stile hai? ecco il momento di ragionare su questa domanda)

La cosa migliore è che sia in linea con lo stile del blog, un’immagine coordinata è segnale di grande coerenza e professionalità, piace vedere che c’è attenzione a questi aspetti e cura per il dettaglio.
Non serve che sia carico di grafiche e colori, usa un colore ben leggibile per il testo (nero o grigio scuro su sfondo chiaro o un bianco su sfondo molto scuro, non azzardare altri colori).

Usa un linguaggio chiaro, comprensibile, sintetico e diretto.

L’ideale sarebbe racchiudere il media kit in 1/3 pagine, oppure potrebbe essere carino utilizzare uno stile a infografica. Di certo, prediligi nel realizzarlo tools che conosci bene, anche un word ben scritto e con qualche elemento grafico (poi salvato in PDF) può essere più che sufficiente e servire allo scopo.

Ancora 2 consigli!

Aggiorna spesso il tuo media kit, perché altrimenti non ha molto senso averne uno se poi i dati sono quelli dell’anno prima!

Inseriscilo, magari come file da scaricare, anche sul blog così chi passerà di lì e vorrà valutare di proporti una collaborazione potrà subito accedere alle info più importanti che ti riguardano.

Ispirazioni

E ora, ti lascio qualche esempio di blog media kit che ho trovato curiosando su blog stranieri, perché è sempre importante guardarsi intorno e lasciarsi ispirare.

Esempio di media kit di una food blogger, She Eats.

mediakit_food

 

Ecco il media kit di una designer e blogger creativa, Pencil Shaving Studio.

craftblogger_mediakit

 

Ora il media kit di 2 mamme blogger, cliccando sulla foto qui sotto lo puoi visualizzare tutto.

thanmoremommies

 

E qui un altro esempio di media kit di una mamma blogger, Feed me dearly, un po’ lungo forse ma con tante utili informazioni (clicca sulla foto per visualizzarlo tutto).

dearly_mediakit

 

Ultima cosa, se non sei capace ad usare Photoshop nessun problema. Vai su PicMonkey (lo conosci, vero?) e nella modalità Design riuscirai facilmente ad abbozzare un rispettabilissimo media kit! Se no va bene usare PowerPoint, Keynote, o come dicevo prima, anche un Word. Potrebbe essere persino divertente!

E, se proprio non te la senti, fatti aiutare da un professionista a realizzarlo, sia per la grafica che per l’individuazione delle info principali da inserire.

Buon lavoro!

 

photo credit texture: chefranden via photopin cc

6
44 Discussions on
“Come creare il media kit per il tuo blog: gli indispensabili”

Leave A Comment

Your email address will not be published.